Through the Black Hole » UNA VITA NEL MISTERO – Stefano Simone

UNA VITA NEL MISTERO – Stefano Simone

Written by Giulio De Gaetano

Un uomo vestito di nero, come in perenne lutto cammina sulla banchina del porto mentre il mare corre veloce. Una donna sotto le coperte legge pagine della bibbia accettando il proprio destino. Una storia di amore, fede, solitudine e morte.

Una casa ricolma di oggetti e quadri sacri, la tappezzeria che richiama gli anni ’70, un’alcova dove i due protagonisti (Tonino Pesante e Dina Valente) consumano quelli che sembrano i loro ultimi giorni insieme.

Stefano Simone racconta una storia drammatica, si serve della musica (composta da Luca Auriemma) per accompagnare delicatamente le immagini, evitando dialoghi inutili e lasciando spazio alle sensazioni. Ogni tanto la sceneggiatura barcolla, forse una maggiore libertà degli attori avrebbe giovato per il realismo. Tuttavia si tratta solo di sbavature in un lavoro indipendente come questo e lascia ben sperare. Nessun particolare problema di dizione, problema che di solito assilla i lavori low-budget italiani (e non).

Notevole la bravura di Simone nel tratteggiare atmosfere da thriller (tende che si muovono, riviste che si sfogliano da sole, orologi che si fermano, fotografie miracolose, presenze inquietanti e ossessive), sicuramente un aiuto a mantenere sempre viva l’attenzione durante gli 86 minuti di durata della pellicola. Minutaggio esteso anche servendosi di lunghe passeggiate paesaggistiche inserite chiaramente per raggiungere la durata minima del lungometraggio.

Interessante anche il tema religioso: se durante la prima metà sembra che la fede sia l’elemento portante di UNA VITA NEL MISTERO, nella seconda gli elementi sovrannaturali sembrano mettere in dubbio quanto visto sino a quel momento. La presenza stessa del barbone si incanala come accompagnatore di una sorta di terra di mezzo (o semplice senzatetto senza alcuna valenza sovrannaturale?), infatti si presenta poco prima di un incubo notturno (condiviso), quasi come a voler annunciare qualcosa. La morte.

VOTO: 6.5/10

Italia, 2010
Regia: Stefano Simone
Soggetto e Sceneggiatura: Emanuele Mattana
Musiche: Luca Auriemma
Fotografia e Montaggio: Stefano Simone
Costumista: Dora De Salvia
Produzione: Jaws Entertainment
Interpreti: Tonino Pesante, Dina Valente, Francesco Granatiero, Don Antonio D’Amico, Cosimo S. Del Nobile, Lello Castriotta, Amilcare Renato, Grazia Orlando, Sabrina Caterino

Posted in drama by Giulio De Gaetano on November 2nd, 2011 at %I:%M %p.

Add a comment

No Replies

Feel free to leave a reply using the form below!


Leave a Reply


Featuring Recent Posts WordPress Widget development by YD

By continuing to use the site or clicking "OK" you agree to the use of cookies. Click on "Info" for more information. Proseguendo la navigazione sul sito o cliccando su "OK", autorizzi l'uso dei cookie. Premi su "info" per ulteriori informazioni. Info

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "OK" below then you are consenting to this. Un cookie è un breve testo inviato al browser di chi sta navigando da un sito web visitato, e serve a conservare informazioni utili a migliorare l'esperienza utente di navigazione (preferenze geografiche, autenticazioni al sito visitato, stato della sessione, ... ). Ogni cookie è unico per il browser di chi sta navigando. Questo sito non utilizza alcun cookie di profilazione mentre, in caso di utilizzo di elementi grafici che permettono condivisione dei contenuti sui social network/servizi da terze parti (esempio: mappe), questi sono impostati dai webmaster di tali siti per cui afferiscono a loro diretta ed esclusiva responsabilità della stessa terza parte. Chi sta navigando, quindi, può consultare eventuali informazioni sui rispettivi siti internet. Per negare l'utilizzo dei cookie occorre vedere quale browser si sta utilizzando e cercare nella sezione "Aiuto / Help" del browser come disabilitarli. Di seguito un link esemplificativo per disabilitarli su Google Chrome (https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it)

X

© THROUGH THE BLACK HOLE 2012