Through the Black Hole » LA JETEE – Chris Marker

LA JETEE – Chris Marker

Written by Giulio De Gaetano

Quando, nel lontano 1995, Terry Gilliam uscì con il suo 12 Monkeys, pur non rivoluzionando il genere sci-fi fece davvero esaltare gli spettatori grazie ad una trama azzeccata e convincente, degnamente interpretata da Bruce Willis e Brad Pitt. Pochi sanno che la pellicola è “liberamente ispirata”, ma in realtà quasi un remake, de La Jetèe,  corto del 1962 diretto dal regista francesce Chris Marker (pseudonimo di Christian François Bouche-Villeneuve)
Essere sopravvisuti ad una catastrofe comporta sempre una incredibile serie di problemi. La massiccia presenza di radiazioni sulla superficie e la conseguente necessità di vivere nel sottosuolo, rende l’agonia ancora più insopportabile. Ma è in queste situazioni che l’essere umano lotta, si aggrappa ai sogni  e sfrutta al massimo le risorse scientifiche non solo per sopravvivere, ma anche per ricominciare una esistenza degna di questo nome.

La soluzione che i sopravvissuti escogitano, in questo caso, consiste nel far viaggiare nel tempo qualcuno che possa trovare una soluzione alle condizioni in cui versa l’umanità. Alla trama sci-fi si collega e si intreccia la love-story dei due protagonisti, fondamentale ai fini della risoluzione degli eventi. Il viso della ragazza è il fulcro del contrasto tra l’oscuro e triste futuro ed il passato così luminoso e solare.

Una storia di questo tipo, realizzata nel lontano 1962, è non poca cosa, soprattutto per quanto riguarda la visione dei viaggi nel tempo, concepiti più sul piano mentale/spirituale che sul piano fisico. A questo aggiungiamo che il corto in questione è in realtà un foto-romanzo. Una successione di immagini e fotografie, impresse in un livido bianco e nero, sulle quali una voce narrante tesse la storia. Un indistinto bisbiglio che attribuiamo ai protagonisti e l’alternanza silenzio-rumore a seconda dell’epoca in cui ci si trova, sono gli unici altri componenti sonori della pellicola.

L’opera non risulta comunque mai statica o noiosa e anzi, dopo l’impatto iniziale, ci si lascia del tutto catapultare in questo strano mondo di immagini e parole, sguardi ed espressioni.

Tra citazioni hitchcockiane (che non vi svelo) e soltanto un paio di bellissimi secondi in cui il volto della ragazza prende vita, si giunge al finale, geniale e scioccante, che conclude in maniera impeccabile questa mezz’ora di pura arte visiva. La sensazione è che un’opera come questa sia senza tempo. Assolutamente innovativa, ma semplice e diretta; ventisette minuti di Fantascientifica poesia.

VOTO: 8.5/10

Regia: Chris Marker
Sceneggiatura: Chris Marker
Produzione : Anatole Dauman
Montaggio: Jean Ravel
Con: Jacques Ledoux, Davos Hanich, Hélène Chatelain
Musica originale: Trevor Duncan
Durata: 27 min
Nazionalità:  Francia 1962
Genere: fantascienza

Posted in drama by Giulio De Gaetano on November 1st, 2011 at %I:%M %p.

Add a comment

No Replies

Feel free to leave a reply using the form below!


Leave a Reply


Featuring Recent Posts WordPress Widget development by YD

By continuing to use the site or clicking "OK" you agree to the use of cookies. Click on "Info" for more information. Proseguendo la navigazione sul sito o cliccando su "OK", autorizzi l'uso dei cookie. Premi su "info" per ulteriori informazioni. Info

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "OK" below then you are consenting to this. Un cookie è un breve testo inviato al browser di chi sta navigando da un sito web visitato, e serve a conservare informazioni utili a migliorare l'esperienza utente di navigazione (preferenze geografiche, autenticazioni al sito visitato, stato della sessione, ... ). Ogni cookie è unico per il browser di chi sta navigando. Questo sito non utilizza alcun cookie di profilazione mentre, in caso di utilizzo di elementi grafici che permettono condivisione dei contenuti sui social network/servizi da terze parti (esempio: mappe), questi sono impostati dai webmaster di tali siti per cui afferiscono a loro diretta ed esclusiva responsabilità della stessa terza parte. Chi sta navigando, quindi, può consultare eventuali informazioni sui rispettivi siti internet. Per negare l'utilizzo dei cookie occorre vedere quale browser si sta utilizzando e cercare nella sezione "Aiuto / Help" del browser come disabilitarli. Di seguito un link esemplificativo per disabilitarli su Google Chrome (https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it)

X

© THROUGH THE BLACK HOLE 2012