Through the Black Hole » Top album

You are currently browsing the Top album category.

KALEDON – “Carnagus: Emperor Of The Darkness”

kaledon-carnagus

Attivi da  oltre 15 anni, i romani Kaledon sigillano un nuovo lavoro di epic-power metal che non disdegna influenze trashy e delinea il tipo di assalto sonoro sin dalla guerriera copertina. Carnagus: Emperor Of The Darkness è il primo lavoro licenziato dalla Sleaszy Rider, ottimamente registrato presso i Domination Studios, dopo ben cinque dischi registrati con la Scarlet Records.

Continue Reading…

Posted giugno 18th, 2017.

Add a comment

BLINK 182 – “California”

BLINK 182 - California

E’ il 2015 quando lo storico chitarrista/cantante Tom DeLonge si separa dai Blink 182, lasciando il posto a Matt Skiba e ponendo così le basi del settimo studio album della band californiana, un disco che ha non solo l’onere di presentare il citato musicista, ma anche intraprendere una strada dopo l’anomalo precedente Neighborhoods.

Continue Reading…

Posted ottobre 17th, 2016.

Add a comment

THROES OF DAWN – “Our Voices Shall Remain”

THROES OF DAWN - Our Voices Shall Remain

Gruppo poco noto in Italia, conosciuto per caso dal sottoscritto con la loro seconda uscita discografica del 1998, Dreams of the Black Earth, giunge ad una nuova release dopo circa sei anni dal precedente lavoro che, finalmente, inquadra il genere su cui i Throes of Dawn sono approdati dopo molte sperimentazioni.

Continue Reading…

Posted settembre 5th, 2016.

Add a comment

HAKEN – “Affinity”

HAKEN Affinity

Passati 3 anni dal disco (The mountain) che li ha consacrati nell’olimpo dell’heavy metal, in tutte le sue declinazioni, tornano gli Haken con un disco ancora una volta unico, da ascoltare per intero senza alcun pregiudizio, sterzando nuovamente verso una form(ul)a musicale diversa ma coerente con il passato … ed è nuovamente un capolavoro.

Continue Reading…

Posted maggio 4th, 2016.

Add a comment

THE ARCANE ORDER – “In the wake of collisions”

THE ARCANE ORDER -

Grandiosa evoluzione di una band che ha avuto il coraggio di togliersi di dosso scomodi paragoni con gli Hatesphere oppure i Dismember (cosa che era successa col precedente The Machinery of Oblivion) attraverso una variazione di rotta che ha visto i danesi abbandonare la matrice thrash in favore di un cupo black sempre accostato al principale traino death.

Continue Reading…

Posted maggio 2nd, 2016.

Add a comment

FIGHTSTAR – “Behind the Devil’s Back”

Fightstar Behind The Devils Back

Chitarre elettriche che si innalzano come mura di cemento, urla lancinanti scagliate nel silenzio di una città erosa da un drumming preciso e martellante, avvitamenti vocali armoniosi e melodici che ricordano che in cielo vi sono ancora striature di azzurro: questo è il post hardcore degli inglesi Fightstar.

Continue Reading…

Posted novembre 19th, 2015.

Add a comment

AMORPHIS – “Under the red cloud”

AMORPHIS - Under the red cloud

Gli Amorphis raggiungono quota dodici dischi, dodici passi che da una sorta di death impuro degli esordi li ha portati verso un heavy ricco di influenze folk e prog, senza mai dimenticare una base monolitica data da riff portanti massicci e mai anonimi. Under the red cloud sembra dare maggiore importanza al passato rispetto al precedente Circe, realizzato appena due anni prima (2013).

Continue Reading…

Posted novembre 3rd, 2015.

Add a comment

CIRCE – “Circe”

Circe

Circe è un side-project degli islandesi Sigur Ros, una costola momentaneamente separatasi per comporre la colonna sonora di un documentario della BBC sulla storia del circo, da cui il titolo della band e del disco.

Continue Reading…

Posted settembre 9th, 2015.

Add a comment

INSOMNIUM – “Shadows of the dying sun”

Dire che gli Insomnium sono una garanzia non è un’eresia, un po’ come quando sopraggiunge negli scaffali un disco degli Amon Amarth, qualità assicurata prima di ascoltare il disco. Arrivati alla sesta uscita, il gruppo finlandese rimane ancorato alle sonorità che lo hanno sempre contraddistinto, per cui melodic-death fortemente imbastardito da un sapore doom e da partiture malinconiche. E con Shadows of the dying sun la band fa ancora una volta centro.

Continue Reading…

Posted febbraio 9th, 2015.

Add a comment

NE OBLIVISCARIS – “Citadel”

Lo strabiliante esordio Portal of I ne aveva già urlato le potenzialità, adesso Citadel sopraggiunge per confermare quanto gli australiani Ne obliviscaris siano una delle nuove stelle di un certo modo di intendere il death/black metal (melodico?) infarcito da intarsi melodici che non si interrompono in una sequela di stop and go, ma che trovano luce proprio nel fondersi costantemente, in un crescendo e calando emozionante e deflagrante.

Continue Reading…

Posted gennaio 30th, 2015.

Add a comment

Page 1 of 41234