Through the Black Hole » dark/ambient

You are currently browsing the dark/ambient category.

ATRIUM NOCTIS – “Home”

Atrium Noctis Home

Parafrasando il titolo dell’album, il black metal è di “casa” per i tedeschi Atrium Noctis, formatisi nel lontano 2002 ma con all’attivo solo tre dischi, distanziati parecchio nel corso degli anni. Tuttavia la loro non è una dedizione al genere né nella sua matrice più violenta e blasfema degli esordi, né nella sua derivazione melodica, bensì una summa di entrambe le componenti con un vizio di forma folk che ne rende di sicuro interesse l’ascolto.

Continue Reading…

Posted febbraio 26th, 2017.

Add a comment

CIRCE – “Circe”

Circe

Circe è un side-project degli islandesi Sigur Ros, una costola momentaneamente separatasi per comporre la colonna sonora di un documentario della BBC sulla storia del circo, da cui il titolo della band e del disco.

Continue Reading…

Posted settembre 9th, 2015.

Add a comment

BLUT AUS NORD – “Memoria Vetusta III – Saturnian Poetry”

Sono francesi questi Blut Aus Nord, fautori di un black metal non primigenio, ma quasi, in quanto contaminato da derive esoteriche che ne influenzano alcune componenti musicali e le liriche. Saturnian Poetry è il terzo capitolo di un concept iniziato nel 1996 con Fathers of the icy age e continuato nel 2009 con Dialogue with the stars, titoli inseriti sotto la label “Memoria Vetusta”.

Continue Reading…

Posted marzo 5th, 2015.

Add a comment

OCTOBER FALLS – “The plague of A coming age”

“At The Edge Of An Empty Horizon” sin dal titolo e dalle prime note ci introduce perfettamente nel mondo autunnale degli October falls, trio finlandese (una volta one man band) dedito ad un doom metal che alle volte si lancia in sfuriate black metal ma che preferisce mantenere un’atmosfera cupa ed eterea di fondo.

Continue Reading…

Posted febbraio 19th, 2015.

Add a comment

AGALLOCH – “The serpent and the sphere”

Atmosfere eteree e slanci black metal, chitarre acustiche e tempi dilatati, riff malinconici e urla lancinanti: sono tornati gli Agalloch. Assorbendo l’eredità di Pale folklore, sfiorando le atmosfere di The mantle e inglobando echi da Marrow of the spirit, ecco sopraggiungere The serpent and the sphere.

Continue Reading…

Posted gennaio 13th, 2015.

Add a comment

MARILYN MANSON – “Eat me, drink me”

E’ sempre emozionante tenere in mano un parto di Marilyn Manson, non per chissà quale spasmodica attesa da fan ma semplicemente per la consapevolezza che si verrà criticati comunque per le parole scritte dato lo spartiacque che (quasi) ogni disco dell’icona americana è capace di creare tra detrattori accaniti e supporter sfegatati.

Continue Reading…

Posted settembre 14th, 2014.

Add a comment

SHADE EMPIRE – “Omega Arcane”

La finlandia diviene ancora una volta portavoce di un pattern talmente potente da risuonare in tutta l’Europa, così atmosferico da adagiarci in un velo di calma; sono gli Shade Empire, al loro quarto album. Omega Arcane è distante dal precedente Zero Nexus, si spoglia delle influenze industrial e della sfrenata mattanza black metal orchestrale per abbracciare un sound più caldo e, al contempo, complesso.

Continue Reading…

Posted ottobre 7th, 2013.

Add a comment

DARZAMAT – “Transkarpatia”

A 10 anni dall’album di debutto In the flames of black art, che mi procurai attratto dalla splendida copertina, i Darzamat proprio con Transkarpatia evadono definitivamente dall’underground grazie anche ad una serie di concerti europei che li hanno affiancati a band storiche e di rilievo.

Continue Reading…

Posted giugno 14th, 2013.

Add a comment

KATATONIA – “Dead end kings”

La sintesi dark-rock dalle sfumature pop, spezzata da (lontani) echi doom è quanto ascoltabile nei Katatonia del 2012 (e degli anni subito precedenti), arrivati nuovamente tra di noi con la bizzarra ed evocativa cover di questo Dead end kings.

Continue Reading…

Posted settembre 20th, 2012.

Add a comment

DARK SANCTUARY – “Exaudi vocem meam part II”

Immaginate di trasfigurare la vostra anima in un corpo abbandonato nel cuore delle tenebre come un simulacro in cerca di sepoltura. Lasciate che l’oscurità vi avvolga addentandovi con i pensieri più tristi che la memoria potesse partorire e chiudete gli occhi. Sentite dolore alle orecchie a causa del silenzio, un vuoto assordante che raschia cercando di estirpare la malinconia per gettarne dentro altra in un ciclo senza fine. Siete soli.

Continue Reading…

Posted settembre 6th, 2012.

Add a comment

Page 1 of 212