Through the Black Hole » Heavy Metal

You are currently browsing the Heavy Metal category.

OVERTURES – “Artifacts”

Overtures Artifacts

Terzo album per la band di Gorizia che, evolutasi dal background power metal, assorbe sonorità heavy mescolandole ad aperture hard rock e passaggi prog, senza mai dimenticare le melodie spesso sospinte dalla voce di Michele Guaitoli, quando necessario accompagnato da Marco Pastorino e Caterina Piccolo, come nella suite di dieci minuti “Teardrop”.

Continue Reading…

Posted marzo 11th, 2017.

Add a comment

ATRIUM NOCTIS – “Home”

Atrium Noctis Home

Parafrasando il titolo dell’album, il black metal è di “casa” per i tedeschi Atrium Noctis, formatisi nel lontano 2002 ma con all’attivo solo tre dischi, distanziati parecchio nel corso degli anni. Tuttavia la loro non è una dedizione al genere né nella sua matrice più violenta e blasfema degli esordi, né nella sua derivazione melodica, bensì una summa di entrambe le componenti con un vizio di forma folk che ne rende di sicuro interesse l’ascolto.

Continue Reading…

Posted febbraio 26th, 2017.

Add a comment

IDEOGRAM – “Raise the curtain”

La sperimentazione sonora come di impatto scenico è quanto proposto dagli Ideogram, cinque musicisti le cui identità sono celate dalle maschere, i cui nomi rappresentano ideogrammi caratteristici della realtà teatrale e dal profondo significato storico e ideologico: Opera, Kabuki, Grand Guignol, Absurd e Mime. Rise the curtain è il prodotto del loro show.

Continue Reading…

Posted gennaio 9th, 2017.

Add a comment

EVERGREY – “The Storm Within”

EVERGREY The Storm Within

Prosegue il discorso musicale intrapreso dalla band svedese con Monday morning apocalypse o Glorious Collision, per cui chitarre rocciose e prodotte ad un volume non indifferente, brevi e immediate melodie di pianoforte, sezione ritmica semplice ma precisa e parti vocali lineari nei versi, melodiche e catchy nei ritornelli.

Continue Reading…

Posted ottobre 31st, 2016.

Add a comment

GOJIRA – “Magma”

Gojira magma

Evoluzione o legge del mercato? Innovatori o furbetti (del cartellino)? La Francia non è mai stata foriera di gruppi metal e band spuntate fuori dal nulla come i Gojira non possono che attirare attenzione, non tanto per gli esordi degli inizi del ventunesimo secolo (Terra Incognita, The Link) quanto per i rilasci effettuati esattamente ogni quattro anni: The way of all flesh (2008), L’enfant sauvage (2012) e Magma (2016).

Continue Reading…

Posted ottobre 10th, 2016.

Add a comment

THROES OF DAWN – “Our Voices Shall Remain”

THROES OF DAWN - Our Voices Shall Remain

Gruppo poco noto in Italia, conosciuto per caso dal sottoscritto con la loro seconda uscita discografica del 1998, Dreams of the Black Earth, giunge ad una nuova release dopo circa sei anni dal precedente lavoro che, finalmente, inquadra il genere su cui i Throes of Dawn sono approdati dopo molte sperimentazioni.

Continue Reading…

Posted settembre 5th, 2016.

Add a comment

WUTHERING HEIGHTS – “The shadow cabinet”

WUTHERING HEIGHTS - The shadow cabinet

Raggiunto anche il traguardo del quarto album, i danesi Wuthering Heights tentano di tirar fuori la testa dalla polveriera di gruppi europei che affollano il mercato grazie ad una commistione di generi che principalmente struttura una base power/speed con svariati cambi progressive, il tutto pervaso da atmosfere folk, a tratti epiche. Immaginate di porre in prima linea i Dragonforce seguiti a ruota dagli Skyclad, aggiungete un pizzico di prog e di Agent Steel e potete, alla lontana, plasmare un’idea del calderone proposto. Tenete, inoltre, in conto che il cantante è Nils Johansson, singer degli ottimi Astral Doors.

Continue Reading…

Posted giugno 2nd, 2016.

Add a comment

THE ARCANE ORDER – “In the wake of collisions”

THE ARCANE ORDER -

Grandiosa evoluzione di una band che ha avuto il coraggio di togliersi di dosso scomodi paragoni con gli Hatesphere oppure i Dismember (cosa che era successa col precedente The Machinery of Oblivion) attraverso una variazione di rotta che ha visto i danesi abbandonare la matrice thrash in favore di un cupo black sempre accostato al principale traino death.

Continue Reading…

Posted maggio 2nd, 2016.

Add a comment

KOLDBORN – “The uncanney valley”

The uncanney valley

Secondo full-length per i danesi Koldborn (ex Icon of Sin) che si lanciano sulla scena senza cedere a nessun compromesso: death-metal feroce e devastante condito da qualche riff thrash. Le influenze provengono da gruppi quali Hate Eternal o Suffocation per cui l’assalto sonoro è facilmente intuibile, anche se in questo senso i Koldborn avrebbero dovuto giocare su una migliore stesura dei brani proprio per evitare gli immancabili stop and go, accelerazioni o rallentamenti vari che tendono a ripetersi pedissequamente da canzone a canzone.

Continue Reading…

Posted aprile 11th, 2016.

Add a comment

DREAM THEATER – “The astonishing”

DREAM THEATER  The astonishing

Trentaquattro canzoni, oltre due ore di musica, un disco insolito nella discografia dei Dream Theater, The astonishing è un’opera rock basata su un concept fantasy che si colloca in un futuro medievale, dove la musica è riprodotta artificialmente da automi per volere di una sorta di despota, almeno fino alla comparsa di un giovane che sembra avere dentro di sé il “dono della musica”.

Continue Reading…

Posted febbraio 8th, 2016.

Add a comment

Page 1 of 712345...Last »