Through the Black Hole » CRIMES OF THE FUTURE – David Cronenberg

CRIMES OF THE FUTURE – David Cronenberg

Written by Paolo Corridore
RANK: 9/10

Crimes of the future

Difficilmente capita un’opera filmica odierna, scritta in maniera così intelligente da rappresentare un barlume di speranza per chi crede ancora che una buona idea, un adeguato sviluppo della stessa e un’intelligente caratterizzazione dei personaggi, siano fondamentali per la riuscita tanto di un libro quanto di un film.

La componente visiva ha un peso considerevole nell’ultimo lavoro di Cronenberg, Crimes of the future, ma non bisogna commettere l’errore di pensare di trovarsi di fronte ad un opera di mera estetica fine a se stessa.

Diversi elementi sono solo accennati e lasciati alla libera interpretazione dello spettatore, rimanendo sbiaditi nei contorni per tutta la narrazione, mentre i messaggi di fondo, quelli ritenuti dall’autore “chiave”, sono molto chiari e arrivano dritti alla mente e al cuore di chi si immerge nella narrazione.

Il genere qui viene utilizzato solo come pretesto per arrivare a concetti di fondo più ampi, così variegati da doversi districare per individuarli tutti.

In un futuro distopico l’operazione chirurgica non rappresenta solamente una necessità in ambito medico, ma viene utilizzata come forma d’arte, come espressione di un’estetica torbida che è propria dei tempi. Due leader nel settore sono la coppia di artisti-chirurghi-performer: Saul Tenser (Viggo Mortensen) e Caprice (Léa Seydoux) che eseguono operazioni in pubblico tramite dei macchinari tanto avanguardistici quanto illegali. La loro attività è sotto l’occhio del reparto “Nuova Buoncostume” che ne approfitta per tastare il polso di una potenziale moda underground.

Parallelamente un’altra storia si intreccia a quella della coppia, vale a dire quella dell’omicidio di un bambino che pare in grado di nutrirsi di plastica e del padre desideroso che i due chirurghi/performer eseguano su di lui un’attenta autopsia.

Di più sulla trama non è lecito svelare, per permettervi di entrare in sala rigorosamente digiuni di quanto possa avvenire e aprirsi agli snodi narrativi proposti dal regista che più di tutti nella sua storia cinematografica ha fatto della Metamorfosi (proprio nel senso kafkiano del termine) il proprio mantra.

Il primo concetto che balza agli occhi è quello sulla “bellezza interiore” che vira gradatamente verso quello più profondo di “evoluzione”. Si può dire che l’evoluzione è un fattore di adattamento o magari ci può essere l’intervento umano per direzionarla volontariamente?

La risposta la forniscono gli organi interni del prof. Tenser che subiscono continue mutazioni, obbligandolo ad esportare quelle che  apparentemente sembrano essere masse tumorali nocive per il suo organismo. Se si trattasse invece di un messaggio da parte del corpo che si sta adattando ad una nuova forma evolutiva? Se stesse sviluppando nuovi organi dalle funzioni e dai meccanismi ancora ignoti allo scopo di adattarsi all’ambiente circostante?

Oltre ad una trama ricca di materiale sul quale riflettere, Crimes of the future ci regala delle performance attoriali meravigliose non solo quelle di Mortensen e della Seydoux ma anche di una Kristen Stewart (nel ruolo di Timlin) che trova il giusto palcoscenico per dimostrare tutto il proprio valore.

RANK: 9/10
Regista/Director: David Cronenberg
2022

Tag:, ,

Posted in Fantascienza and Horror and Top movie by Paolo Corridore on luglio 29th, 2022 at %H:%M.

Add a comment

Previous Post:  

Comments are closed.

Featuring Recent Posts WordPress Widget development by YD

By continuing to use the site or clicking "OK" you agree to the use of cookies. Click on "Info" for more information. Proseguendo la navigazione sul sito o cliccando su "OK", autorizzi l'uso dei cookie. Premi su "info" per ulteriori informazioni. Info

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "OK" below then you are consenting to this. Un cookie è un breve testo inviato al browser di chi sta navigando da un sito web visitato, e serve a conservare informazioni utili a migliorare l'esperienza utente di navigazione (preferenze geografiche, autenticazioni al sito visitato, stato della sessione, ... ). Ogni cookie è unico per il browser di chi sta navigando. Questo sito non utilizza alcun cookie di profilazione mentre, in caso di utilizzo di elementi grafici che permettono condivisione dei contenuti sui social network/servizi da terze parti (esempio: mappe), questi sono impostati dai webmaster di tali siti per cui afferiscono a loro diretta ed esclusiva responsabilità della stessa terza parte. Chi sta navigando, quindi, può consultare eventuali informazioni sui rispettivi siti internet. Per negare l'utilizzo dei cookie occorre vedere quale browser si sta utilizzando e cercare nella sezione "Aiuto / Help" del browser come disabilitarli. Di seguito un link esemplificativo per disabilitarli su Google Chrome (https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it)

X

© THROUGH THE BLACK HOLE 2012