Through the Black Hole » IT – Andrés Muschietti

IT – Andrés Muschietti

Written by Paolo Corridore
RANK: 8/10

IT 2017

Ogni 27 anni nella cittadina di Derry (Maine) si consumano macabri rituali … una buona fetta della popolazione, soprattutto bambini, scompare senza una apparente ragione. I dispersi vengo dati per morti perché è quasi impossibile che un bambino possa resistere da solo troppo tempo senza il sostegno di un adulto.

IT 2017

Da questo incipit parte la storia che ha sconvolto quegli adolescenti ormai adulti che hanno letto l’omonimo libro di Stephen King, dal quale è tratto il film, ma anche tutti gli spettatori di quella imperfetta miniserie TV che, alla luce del tempo trascorso, è diventata fenomeno di vero e proprio culto. Si comincia con la sparizione del piccolo Georgie e con il senso di colpa che sconvolge la vita del fratello maggiore Bill, che avrebbe voluto o meglio avrebbe dovuto (secondo lui) essere con il fratello per impedirne la sparizione; per continuare con tutti gli altri bambini che compongono la banda dei perdenti, come Beverly, ragazza acqua e sapone ma con uno charme degno di una donna adulta, capace di ammaliare gli sguardi degli uomini più grandi di lei e catalizzare allo stesso modo tutte le malelingue e i pettegolezzi delle donne del paese.

C’è anche Ben che vorrebbe dichiarare il suo amore per Beverly, ma è troppo goffo e impacciato per dichiararsi e insicuro com’è del suo aspetto fisico non sa se potrebbe interessarle. Insomma, presi singolarmente, ognuno dei ragazzi costituisce un mondo a sé e si porta dentro un disagio quasi materiale, ma tutti hanno qualcosa in comune: sono persone dal cuore puro, difficilmente catalogabili in posizioni standard (e anonime) della società. Danno fastidio agli adulti perché ormai hanno perso quella purezza e innocenza, danno fastidio ai bulli che sfogano su di loro le loro frustrazioni, perché li vedono inermi e indifesi e, al contempo, diversi nell’accezione positiva del termine.

Tutte le nostre fobie, come quelle dei “losers”, si sintetizzano in un’unica nemesi universale, chiamata IT, che tra le molteplici forme in cui si può manifestare predilige quella di un clown danzante (interpretato magistralmente da Bill Skasgard).

IT 2017

Il primo duro confronto con la miniserie televisiva sta proprio nella scelta del protagonista che ha racchiuso in se perfettamente il delirio e il terrore adolescenziale rendendosi interprete di una maschera agghiacciante, non facendo per nulla rimpiangere l’interpretazione eccelsa di Tim Curry, che rimarrà comunque scolpita nella storia e negli incubi di ognuno di noi. Come per la miniserie TV anche questo film è stato diviso in due parti, seguendo una narrazione lineare divisa tra una prima parte che  inquadra il gruppo dei perdenti da bambini e una seconda con loro adulti. Questo a differenza della miniserie dove vi era una doppia linea temporale (da adulti e da bambini), intrecciatata dal filo conduttore dei ricordi.

Così anche le nuove generazioni avranno il proprio film su Pennywise che tormenterà ampiamente i loro sonni. Hanno poco da dire i detrattori di questo film, siamo cresciuti e chi scrive adesso ha l’età giusta per contestualizzare entrambe le opere e, sebbene sarà sempre legato alla miniserie degli anni ’90, non può non riconoscere il valore di questo It, costruito anche guardando a tutto quello che è uscito al cinema da 27 anni a questa parte. E’ proprio così, It esce nelle sale cinematografiche esattamente 27 anni dopo l’uscita della miniserie televisiva.

Andrés Muschietti bilancia molto i toni, grazie a colori e stilemi marcatamente horror fusi con lo spirito di quella che fu l’opera dell’epoca e il relativo messaggio di fondo, basato su un disagio che, se condiviso in gruppo, può diventare meno asfissiante pur senza perdere la propria individualità.

RANK: 8/10
Regista/Director: Andrés Muschietti
Cast: Bill Skarsgård, Owen Teague, Jaeden Lieberher, Finn Wolfhard, Wyatt Oleff
Usa 2017

Tag:,

Posted in Horror by Paolo Corridore on ottobre 17th, 2017 at %H:%M.

Add a comment

Previous Post:  

No Replies

Feel free to leave a reply using the form below!


Leave a Reply


Featuring Recent Posts WordPress Widget development by YD

By continuing to use the site or clicking "OK" you agree to the use of cookies. Click on "Info" for more information. Proseguendo la navigazione sul sito o cliccando su "OK", autorizzi l'uso dei cookie. Premi su "info" per ulteriori informazioni. Info

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "OK" below then you are consenting to this. Un cookie è un breve testo inviato al browser di chi sta navigando da un sito web visitato, e serve a conservare informazioni utili a migliorare l'esperienza utente di navigazione (preferenze geografiche, autenticazioni al sito visitato, stato della sessione, ... ). Ogni cookie è unico per il browser di chi sta navigando. Questo sito non utilizza alcun cookie di profilazione mentre, in caso di utilizzo di elementi grafici che permettono condivisione dei contenuti sui social network/servizi da terze parti (esempio: mappe), questi sono impostati dai webmaster di tali siti per cui afferiscono a loro diretta ed esclusiva responsabilità della stessa terza parte. Chi sta navigando, quindi, può consultare eventuali informazioni sui rispettivi siti internet. Per negare l'utilizzo dei cookie occorre vedere quale browser si sta utilizzando e cercare nella sezione "Aiuto / Help" del browser come disabilitarli. Di seguito un link esemplificativo per disabilitarli su Google Chrome (https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it)

X

© THROUGH THE BLACK HOLE 2012