Through the Black Hole » THE BIG SHAVE – Martin Scorsese

THE BIG SHAVE – Martin Scorsese

Written by Melania Colagiorgio

thebigshave

Prima di abbarbicarmi nella recensione di questo corto, vi rendo partecipi della problematica che mi sono posta: considerare il corto come un’opera di un Maestro che  tutti adoriamo (e quindi procedere con umiltà  e venerazione nei confronti dell’artista che è diventato) o visionare il corto come l’opera di un ragazzo di 25 anni alle prime esperienze cinematografiche? Visto che la fanatica venerazione non  mi appartiene, ho deciso di collocarmi  nel 1967, al tempo in cui è stato girato, considerando Martin Scorsese un promettente regista che comincia a farsi strada e, con questo corto, a stupire.

THE BIG SHAVE è famosissimo, malgrado sia di difficile reperibilità fuori dalla rete. In un bagno immacolato in cui tutto è in perfetto ordine ed estremamente pulito, un uomo si fa la barba, accompagnato da una colonna sonora leggera, da “domenica mattina”. Si rade una prima volta, non soddisfatto lo fa ancora e ancora, fino a  dissanguarsi. Il giovane Scorsese ha reso un gesto quotidiano, semplice, che milioni e milioni di uomini fanno, drammaticamente inquietante.  Un gesto banale di un uomo puntiglioso, che raggiunge la sublime compiutezza  ledendosi atrocemente e irreversibilmente, spinto da una sfrenata mania autodistruttiva.

big

Potrei fermarmi qui, senza indugiare nella ricerca di  ulteriori  elementi metaforici o allusioni, se non fosse che Scorsese ha voluto chiudere il corto con la sigla Viet 67. Il corto, infatti,  è conosciuto anche con questo titolo. Nel ’67  imperversa la guerra del Vietnam, gli Americani  ne sono coinvolti già da qualche tempo e,  attraverso la sigla di chiusura, Scorsese lancia un monito contro quella atrocità così disastrosa.

THE BIG SHAVE affronta una tematica difficile per l’epoca e senz’altro lambisce gli animi già così alterati dello spettatore, tanto che basta un accenno di riferimento alla guerra e il protagonista diventa espressione di un malessere comune a tanti suoi concittadini: un gesto banale come la rasatura diventa  metafora di un’ossessione collettiva che porterà  a conseguenze  devastanti. Malgrado il tema, però, Scorsese riveste la pellicola di ironia con leggerezza e semplicità. Il sangue è copioso come nei migliori splatter e, fin dai primi tagli, lo spettatore rimane affascinato dall’impossibilità di dare una spiegazione a quelle gesta esasperate.

Girato in 16mm, la fotografia ha le sue pecche (tipiche in un lavoro di un regista alle prime armi) e purtroppo la pellicola presenta alcuni lievi deterioramenti dovuti al tempo, ma in questo video qualsiasi vizio tecnico passa in secondo piano di fronte all’irrazionalità della scena. Premiato al Prix de l’Age d’Or al festival del cortometraggio di Knokke, il corto entra (insieme a Scorsese) a far parte della New Hollywood, la corrente cinematografica che ha iniziato a farsi largo proprio intorno agli anni  ’60-’70 e che ha rivoluzionato il modo di fare cinema, supportata da registi come Francis Ford Coppola, Steven Spielberg, Roman Polansky e Sidney Pollack.

Questo surreale, sarcastico corto è senz’altro un pugno allo stomaco per gli americani di quell’epoca come di oggi.

VOTO: 7/10

Regia: Martin Scorsese
Interpreti:
Peter Bernuth
USA, 1967

Posted in drama by Melania Colagiorgio on November 1st, 2011 at %I:%M %p.

Add a comment

No Replies

Feel free to leave a reply using the form below!


Leave a Reply


Featuring Recent Posts WordPress Widget development by YD

By continuing to use the site or clicking "OK" you agree to the use of cookies. Click on "Info" for more information. Proseguendo la navigazione sul sito o cliccando su "OK", autorizzi l'uso dei cookie. Premi su "info" per ulteriori informazioni. Info

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "OK" below then you are consenting to this. Un cookie è un breve testo inviato al browser di chi sta navigando da un sito web visitato, e serve a conservare informazioni utili a migliorare l'esperienza utente di navigazione (preferenze geografiche, autenticazioni al sito visitato, stato della sessione, ... ). Ogni cookie è unico per il browser di chi sta navigando. Questo sito non utilizza alcun cookie di profilazione mentre, in caso di utilizzo di elementi grafici che permettono condivisione dei contenuti sui social network/servizi da terze parti (esempio: mappe), questi sono impostati dai webmaster di tali siti per cui afferiscono a loro diretta ed esclusiva responsabilità della stessa terza parte. Chi sta navigando, quindi, può consultare eventuali informazioni sui rispettivi siti internet. Per negare l'utilizzo dei cookie occorre vedere quale browser si sta utilizzando e cercare nella sezione "Aiuto / Help" del browser come disabilitarli. Di seguito un link esemplificativo per disabilitarli su Google Chrome (https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it)

X

© THROUGH THE BLACK HOLE 2012